Coronavirus, Cina: "Siamo in grado di contenere epidemia"

31 gen 2020

Corea, Pakistan, Kenya. Il mondo blocca i voli da e per la Cina nel tentativo di chiudere lì il coronavirus, che invece continua la sua corsa. L'Organizzazione mondiale della sanità, dopo giorni, dichiara l'emergenza globale e le polemiche non sono mancate. “Troppo tardi”, dicono in molti. Intanto dalla Gran Bretagna arriva la notizia dei primi due contagi. Due casi accertati, due membri della stessa famiglia. Evitare reazioni eccessive e lavorare alla cooperazione internazionale è la richiesta dell'ambasciatore cinese all'ONU. “Siamo in grado di contenere e sconfiggere l'epidemia”. Intanto sale il numero dei morti nel Paese e 2000 nuovi casi sono stati confermati. La Cina resta sempre più isolata, con la Russia che ha deciso di chiudere i confini e i colossi mondiali che stanno chiudendo negozi e bloccando le produzioni. In tutto questo, 6500 tra medici e infermieri hanno deciso di scioperare. Vogliono maggiori garanzie per la loro salute e quella dell'intero Paese e vogliono più chiarezza nelle informazioni. Intanto da ogni parte del mondo arrivano le segnalazioni e contestualmente gli inviti alla calma, un mix difficile da proporre. “Il picco dovrebbe arrivare tra una settimana, al massimo dieci giorni, poi non ci saranno più incrementi di contagi su larga scala”, dichiara Nanshan, a capo del team nazionale di esperti istituito per il controllo del virus. E dalla Cina, da dove arriva la maggior parte delle mascherine usate ormai nel mondo, si aumenta la produzione. Al lavoro su circa 25000 mascherine al giorno, perché anche nell'emergenza gli affari non si fermano.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.