Coronavirus, le misure anticontagio nel mondo

10 mar 2020

Dopo circa due mesi di rigidissima quarantena per oltre 11 milioni di cittadini della città cinese di Wuhan, capoluogo della provincia cinese dello Hubei, rimasta letteralmente sigillata rispetto al resto del Paese, anche gli ultimi due ospedali provvisori dei 16 inizialmente allestiti per accogliere i pazienti contagiati dal Coronavirus sono stati chiusi. L'imminente riapertura della Regione è stata segnata dalla visita del Presidente Xi Jinping. Fuori dalla Cina si lotta per arginare l'avanzata del contagio. In Corea del sud le autorità sanitarie utilizzeranno anche un'app per controllare tramite Gps dello smartphone il rispetto della quarantena. Seul ha stabilito che siano messi in isolamento tutti i positivi al tampone e i loro contatti stretti. Negli Stati Uniti preoccupa soprattutto la situazione nello Stato di New York, dove è scesa in campo la Guardia nazionale a New Rochelle con compiti di pulizia e consegna del cibo. Cancellata la tradizionale festa di San Patrizio a Boston, così come sul vecchio continente a Dublino. L'Arabia Saudita ha annunciato di aver compiuto 500 mila test. Riad ha sospeso le visite alla Mecca, il luogo più santo dell'Islam. In Europa la Grecia ha deciso di chiudere scuole e università. Istituti chiusi anche a Nicosia a Cipro e a Madrid, epicentro del contagio, in Spagna. Il Senato tedesco ha cancellato tutti gli eventi programmati nei teatri statali dell'Opera e nelle sale da concerto fino al 19 aprile. Vietati, come in Francia, gli assembramenti superiori alle 1000 persone. Le partite di calcio in entrambi i Paesi saranno giocate a porte chiuse. La Gran Bretagna si prepara a imporre l'auto isolamento in casa per chiunque abbia sintomi, anche leggeri, di influenza e infezioni respiratorie. Il Governo del Canton Ticino ha chiesto ufficialmente una presenza fisica ai valichi stradali, ferroviari e della navigazione da parte del personale del Corpo federale delle Guardie di confine all'indomani dell'entrata in vigore del nuovo decreto in Italia. Chiuso anche il Brennero e l'accesso in Austria a tutti gli italiani sprovvisti di certificato medico. Vienna ha cancellato le finali di Coppa Europa di sci.

pubblicità