Coronavirus, mascherine dividono Ue. Blocco export

06 mar 2020

“L'Europa dovrebbe guardare all'esperienza italiana e prepararsi, situazioni simili potrebbero esserci presto anche altrove”, avverte il commissario Lenarcic al termine del vertice straordinario dei 27 Ministri della salute. Serve più coordinamento, dicono tutti, ma poi, in concreto, ognuno sembra ancora marciare per conto proprio. L'Italia, ad esempio, aveva chiesto agli altri Paesi l'invio di mascherine protettive, ma nessuno ha risposto all'appello. Con l'aumento dei contagi, Francia e Germania ne hanno, anzi, bloccato l'export. La commissaria alla salute Kyriakides lancia l'allarme: “Sarebbe pericoloso se il personale sanitario non disponesse più di dispositivi di protezione”, dice, annunciando un appalto europeo comune per rifornirsi in blocco, incassando il plauso dell'Italia. “Non dobbiamo farci la guerra tra Paesi europei col solo rischio di aumentare il prezzo di questi dispositivi. Noi abbiamo bisogno di lavorare insieme e di decidere insieme, sulla base delle esigenze che ci sono, dove conviene utilizzarle nel più breve tempo possibile”. “Nel prossimo decreto metteremo più fondi per il servizio sanitario”, aggiunge il Ministro, che ottiene comunque l'apprezzamento dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per come l'Italia gestisce la crisi. Ora però - dice Speranza - è tempo che la solidarietà diventi concreta e lo si vedrà anche da come i Paesi rigoristi accoglieranno la richiesta di aumentare il deficit. La Commissione, parola di Paolo Gentiloni, non dovrebbe mettersi di traverso, ma la risposta ufficiale arriverà più avanti. E contro il rischio recessione l'Europa potrebbe anche allentare le regole sugli aiuti di Stato, mentre è pronta a fare la sua parte anche la Banca Europea degli Investimenti. E proprio mentre era in corso la riunione dei Ministri europei della salute, in questo stesso palazzo, nel palazzo del Consiglio europeo, veniva notificato un secondo caso di positività al coronavirus. E proprio per i rischi di eventuali nuovi contagi, la prossima settimana la plenaria dell'Europarlamento non si terrà a Strasburgo ma qui, nella capitale belga.

pubblicità
pubblicità