Covid, quarantena da Italia per chi rientra in UK

15 ott 2020

Pratica il distanziamento sociale da una vita e questa volta non fa eccezione, ma non si può dire che abbia dato il buon esempio. E anche se tutti i partecipanti al primo impegno pubblico dai tempi del lock down avevano fatto un tampone, Elisabetta scegliendo di non indossare la mascherina perde un'occasione e forse per una volta non è all'altezza del suo ruolo di guida. D'altra parte nel Regno Unito non è obbligatorio indossarla all'aperto. Eppure sarebbe stato un segnale importante in un Paese che nelle ultime 24 ore ha registrato 18980 nuovi casi, 138 morti e quasi 800 ospedalizzazioni. Numeri che spaventano. Così, mentre si dibatte sul possibile lock down chirurgico a fine ottobre, approfittando delle vacanze scolastiche del quadrimestre, in molte città le restrizioni diventano più stringenti. Succede soprattutto a Londra, dove il rischio di infezione da medio viene ora giudicato alto. Così dalla mezzanotte di venerdì sarà vietato incontrare al chiuso persone che non facciano parte del proprio nucleo familiare e l'appello è di non utilizzare i mezzi pubblici quando possibile. Brutte notizie poi per gli italiani. Dalle 4 di domenica mattina, infatti, chiunque arrivi dall'Italia in Inghilterra dovrà sottoporsi a un periodo di quarantena di due settimane. Una misura che in futuro potrebbe accorciarsi o tramutarsi nell'obbligo di presentare un tappone negativo. Se ci spostiamo, invece, aldilà della Manica, secondo un sondaggio di Le Figaro, il 64% dei francesi sostiene le nuove misure annunciate dal Presidente, Macron, in primis il coprifuoco dalle 21 alle 6 del mattino a Parigi e in altre otto grandi città. A vegliare sul rispetto della misura, che pure prevede alcune eccezioni, ha annunciato il Primo Ministro Castex ci saranno 12000 poliziotti. 135 euro la multa per i trasgressori che per i recidivi potrà arrivare fino a quasi 4000 euro e sei mesi di carcere. D'altra parte, con il 46% dei posti in terapia intensiva già occupati da malati di Covid-19, la nostra unica strategia, sono le parole del Primo Ministro, "è quella di rallentare il più possibile il contagio".

pubblicità