Crisi migranti, sale tensione al confine Polonia-Bielorussia

10 nov 2021

Sfondata in due punti la recinzione alla frontiera tra Polonia e Bielorussia. Due gruppi di migranti, secondo quanto fanno sapere media tedeschi e polacchi, sarebbero riusciti ad attraversare il confine al termine di un'intera notte di tentativi. Frontiera dove da giorni sono ammassati in migliaia al gelo nel tentativo di entrare in Europa. La guerra ibrida rischia di provocare un'escalation. Il Governo polacco accusa Minsk di spingere i migranti verso i confini confini. E li respinge mentre il presidente Bieloeusso Lukashenko denuncia il piegamento delle forze regolari polacche alla frontiera, e in effetti sono già circa 15 mila i soldati dell'esercito di Varsavia. Un numero consistente che potrà essere ulteriormente aumentato, se necessario, a sentire il Ministro della Difesa polacco. L'occidente punta il dito contro il Governo di Lukashenko che li starebbe spingendo a sfondare i varchi per minacciare la stabilità dell'Unione Europea. Mentre Varsavia accusa Il Presidente russo Vladimir Putin di aver orchestrato la crisi. Tra i 27 dell'Unione aumentano le critiche nei confronti di Minsk, per la strumentalizzazione dei migranti bloccati al confine. Quell'Unione Europea a cui Lukashenko ha fatto sapere che non si piegherà. Il Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, parla di attacco brutale e ibrido e intanto la Commissione Europea chiede ai paesi membri di colpire Minsk con nuove sanzioni. Berlino spingere ad agire per fermare il flusso di migranti e aiutare così il Governo polacco a proteggere il confine esterno.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast