Digital tax, pressing G20 su colossi web

09 giu 2019

Raggiunto l'accordo sui dazi, con il Messico Trump ottiene il risultato politico immediato di cui aveva bisogno. Non sarà così facile però con la Cina nel G20 di Fukuoka. Washington infatti censura la bozza del comunicato finale, volendo togliere il riferimento al riconoscimento della necessità di risolvere le tensioni nel commercio, pur affermando che esse si sono intensificate. Una convergenza, invece, sembra essere stata trovata sull'opportunità di tassare i giganti del web come Amazon, Google e Facebook. Il G20 fatti si impegna a raddoppiare, entro la fine del prossimo anno, gli impegni per arrivare ad una Digital tax. l'idea è quella di un'imposta, non più sulla presenza fisica, dove si trovano i loro uffici, ma in base a dove registrano le loro entrate. Intanto, Donald Trump soddisfatto di aver incassato una vittoria importante, in piena campagna elettorale per la rielezione del 2020, prevede che l'accordo raggiunto con il Messico sarà un gran successo. Idem per il collega messicano Lopez Obrador, che si prepara a festeggiare a Tijuana, alle 17, le 24 in Italia, un'intesa che ritiene frutto dell'appoggio di tutti i messicani. Stati Uniti e Messico hanno trovato l'accordo sulle iniziative da prendere per frenare l'immigrazione illegale evitando, almeno per ora, i dazi minacciati dagli Usa. L'intesa prevede che il Messico invierà circa 6000 soldati della Guardia Nazionale lungo la frontiera con il Guatemala per frenare i flussi in arrivo e ospiterà una parte degli illegali che faranno richiesta di asilo negli USA. In cambio Washington accelererà gli investimenti promessi per circa 6 miliardi di dollari per lo sviluppo nel Chiapas e nei paesi centroamericani di provenienza delle carovane. I democratici criticano l'uso spregiudicato delle tariffe come strumento di ricatto, molti analisti avvertono che ciò avrà effetti negativi sulla percezione degli Stati Uniti nel mondo e la loro capacità di fare business, senza riuscire a fermare il fenomeno migratorio.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.