Emergenza virus, dove si può sciare in Europa

15 feb 2021

Una Babele, basta uno sguardo alla cartina dell'Europa per vedere come si comporta nei paesi membri e non solo riguardo la chiusura o meno degli impianti e il risultato è l'ennesima macchia di leopardo, con sottoinsiemi e specifiche particolari per cui tirare la somma è complicato. Perciò è necessario un'avvertenza, chiunque voglia a dispetto del buonsenso e dei divieti italiani, farsi una sciata sull'arco alpino dovrà imbarcarsi in una lunga ricerca e non sempre avrà risposte chiare. Ma andiamo per ordine, lo scenario più semplice è di chi ha deciso dolorosamente di dare in buona sostanza addio alla stagione sciistica. L'Italia che ha rinviato a marzo un'ulteriore valutazione, sperando che una coda possa almeno compensare in parte le perdite della stagione, la Francia idem, anche la Germania, c'aveva addirittura invocato la chiusura per tutto il continente e anche la Scozia, che vanta le uniche località sciistiche dell'arcipelago britannico, sulla stessa linea la Slovacchia. Poi vengono i sì e qui l'elenco è lungo, Spagna, Svizzera, Austria, Polonia, Slovenia, Bulgaria, Polonia, Romania, Svezia, Norvegia e Finlandia, ma bisogna tenere a bada gli entusiasmi perché gli impianti aperti non significano anche frontiere aperte, comunque, neanche strutture ricettive disponibili, l'Austria e la Svizzera, per esempio, permettono lo sci ai locali ed è permesso solo il servizio d'asporto per i rifugi, in Slovenia le piste sono aperte, ma gli alberghi chiusi, quindi un sostanziale no allo scii in trasferta extra territoriale, nonostante ciò i malumori tra i Paesi confinanti sono alti, come tra Germania e Austria, dove nel Tirolo si sta sviluppando una variante particolarmente contagiosa, quella sudafricana e così tra Svizzera, Francia e Italia, dove gli sciatori erano abituati a sconfinare tra un impianto e l'altro, è certo, in tutti gli uffici turistici contattati assicurano che dove gli impianti sono aperti è necessario dimostrare di essere immuni al virus e che saranno prese tutte le precauzioni, ma le perplessità restano.

pubblicità
pubblicità