Essex, due arresti per traffico esseri umani

25 ott 2019

Traffico di esseri umani e omicidio colposo. Per queste ipotesi di reato sono state arrestate dalla Essex Police due persone, un uomo e una donna di 38 anni, entrambi residenti in Inghilterra, in relazione alla tragedia dei 39 migranti ritrovati morti asfissiati o assiderati all'interno di un tir adibito a cella frigorifera a Grays, centro industriale a una trentina di chilometri da Londra. Con loro rimane in stato di fermo anche l'autista del camion, il venticinquenne Mo Robinson, nordirlandese e su di lui pende il sospetto di omicidio. Traffico di esseri umani. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l'eventuale rete di supporto e reclutamento, mentre si cerca di identificare al più presso le vittime, come richiesto anche da Pechino. Secondo gli investigatori, infatti, si tratterebbe di cittadini cinesi, ma gli esami di medicina sono in corso, la circostanza non è ancora confermata dall'ambasciata e da Hanoi rimbalza un allarme che potrebbe ampliare il raggio d'azione. "Mi dispiace, mamma, il mio viaggio all'estero non è andato bene. Sto morendo perché non posso respirare". Questi alcuni dei messaggi inviati nella tarda serata di martedì da Tra My, ventiseienne vietnamita, alla sua famiglia. A far conoscere la sua storia una ong locale. I genitori sono in contatto con le autorità per verificare se sia lei una delle 8 donne morte a bordo del tir, ma è un fatto che da allora i genitori non hanno notizie e che la sua intenzione era proprio quella di arrivare nel Regno Unito, passando per la Francia, partendo dalla Cina. A confermare l'esistenza di una rotta e a rafforzare il sospetto di un'organizzazione.

pubblicità
pubblicità