Francia, fase 2: libertà di spostamenti e scuole riaperte

07 mag 2020

Gradualità, disciplina e responsabilità sono le 3 parole chiave della fase 2 francese, che comincerà a partire da lunedì e i cui dettagli sono stati illustrati dal primo ministro Édouard Philippe. Il Paese è stato diviso in due, dipartimenti rossi e verdi. Nei primi, che comprendono tutta l'area parigina e il nord-est i casi restano ancora più elevati del previsto e ci saranno più cautele nella tabella di marcia delle riaperture consentite da qui a giugno. La vera novità è che ci si potrà spostare liberamente e senza autocertificazione nel raggio di 100 km un'attestazione del datore di lavoro sarà invece necessaria almeno per 3 settimane per usufruire dei mezzi pubblici, consentito lo sport individuale all'aperto e gli assembramenti sotto le 10 persone, torneranno poi sui banchi un milione di scolari di asili ed elementari, misura a cui teneva molto il Presidente Macron, che secondo la stampa francese, è ormai in rotta di collisione con il suo premier Philippe. Riapriranno anche 400000 aziende, soprattutto piccoli negozi e parruccherie. Per bar e ristoranti se ne riparla, però, a giugno e solo nei dipartimenti verdi. Resteranno invece le restrizioni per le case di cura degli anziani, così come le frontiere rimarranno chiuse almeno fino a metà giugno, mentre il governo promette che da lunedì ci saranno test a tappeto per la popolazione, dopo le proteste per l'insufficiente numero di tamponi fin qui effettuati. Non l'unica polemica che ha accompagnato la quarantena in Francia dove ha fatto scalpore la scoperta della massiccia diminuzione delle scorte pubbliche di mascherine.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast