Germania, varianti virus: chiusi confini con Tirolo e R.Ceca

14 feb 2021

Dopo la diffusione di nuove varianti di virus più contagiose la Germania ha nuovamente irrigidito le regole per l'ingresso dai Paesi dell'Ue e ha ordinato controlli alla frontiera per chi proviene dal Tirolo e dalla Repubblica Ceca, quest'ultima, infatti, vede un'incidenza di 1000 casi per centomila abitanti e una notevole diffusione della mutazione B 117, la stessa mutazione che ha costretto una clinica del distretto di Spandau, a Berlino, a interrompe i ricoveri, nonostante la Germania stia vedendo un notevole rallentamento del numero di contagiati da Covid 19, con un'incidenza settimanale vicino ai 50 casi per centomila abitanti, numero target per la gestione della pandemia secondo il Governo, la cancelliera Angela Merkel ha deciso di prolungare il lock down fino al 7 marzo. La motivazione è la preoccupazione delle istituzioni sanitarie per la possibile evoluzione delle varianti del coronavirus, secondo Robert Koch Institut, infatti, le mutazioni in Germania rappresenterebbero tra l' 8 e il 10% dei casi, ma il dato sarebbe ampiamente sottostimato. Il blocco alle frontiere potrebbe portare problemi nelle catene di approvvigionamento dell'industria automobilistica che potrebbero fermare la produzione fino alla normalizzazione della situazione, a rischio anche le vacanze pasquali.

pubblicità
pubblicità