Hong Kong, polizia a studenti: arrendetevi

18 nov 2019

Io sono a pochi metri da questo fortino da dove questa notte ci hanno praticamente obbligato ad andarcene pena essere arrestati anche noi, e non sappiamo cosa sta succedendo dentro. Le poche notizie che arrivano, arrivano dai ragazzi stessi sui social e sono drammatiche, parlano di polizia brutale, di poliziotti che picchiano, che arrestano, che trascinano per i capelli i ragazzi. Poi ogni tanto li vediamo passare. Questo è l'unico varco che ci hanno lasciato aperto e la polizia la vedete lì dietro di me, non so se si riesce a vedere perché è buio e c'è poca luce, ma anche poco fa sono passati quattro o cinque ragazzi con il gilet del First Aid, cioè del pronto soccorso, sono dei volontari; bene, anche questi sono stati arrestati, avevano facce molto, molto sofferenti. Lì ci sono delle barelle, quindi significa che evidentemente è gente che è stata o picchiata o comunque ha subito degli incidenti. Certo, anche gli studenti si stanno difendendo con i denti. Stanotte hanno usato un po' di tutto, fionde, giavellotti, frecce incendiarie, catapulte e ovviamente anche molte bombe molotov, cosa che ha fatto molto arrabbiare la polizia, che ha annunciato che tutti coloro che verranno trovati in flagranza di gettare una bomba molotov non verranno accusati soltanto di rivolta, reato che qui prevede 10 anni, ma anche di tentato omicidio, che qui prevede invece addirittura l'ergastolo. Nel frattempo nel resto della città c'è il caos totale. Noi siamo bloccati purtroppo in questo isolotto e non possiamo sposarci, cercheremo di farlo nelle prossime ore, ma ci dicono, almeno vediamo sui social e sui media locali, che nel centro di Mongkok e di Tsim Sha Tsui sta succedendo un po' di tutto. C'è stata la mobilitazione dei genitori, stanno facendo un sit-in con dei cartelli “Niente Tiananmen a Hong Kong”, “Liberate i nostri figli”, “Risparmiate i nostri figli”, ma la polizia ha caricato anche queste persone con i soliti gas lacrimogeni. Gas lacrimogeni che, vale la pena ripeterlo ancora una volta, non sono i soliti gas lacrimogeni, sono speciali, vengono dalla Cina, hanno una composizione che nessuno conosce e sono molto più nocivi apparentemente, perché oltre ad avere i soliti ingredienti, componenti, hanno anche una dose di diossina molto più forte e un elemento che fa venire il prurito. Io ieri sera li ho sentiti su me stesso e ancora oggi sento tutto un prurito sulla parte scoperta diciamo. Ecco, questa è la situazione. Oggi è stato gasato anche un ospedale all'interno, al centro, con i pazienti che erano terrorizzati, i medici che hanno protestato. E poi ci sono i soliti deputati dell'opposizione che cercano di portare avanti una trattativa. Chissà, vediamo. Speriamo che porti... Ecco, sentite gli spari, sono ovviamente di nuovo di lacrimogeni. Dimenticavo di dirvi che stamani sopra questo cornicione abbiamo visto dei ragazzi fuggire, sembrava che stessero per suicidarsi. Gli hanno sparato proiettili veri, ma non sono stati colpiti. Li hanno arrestati più tardi. Insomma, è una situazione che può davvero precipitare da un momento all'altro. Speriamo che alla fine la saggezza prevalga e che il governo fermi questa violenza della polizia.

pubblicità