Iran, primi arresti per l'aereo abbattuto

14 gen 2020

Il Presidente Hassan Rouhani lo aveva annunciato, saranno puniti i responsabili dell'abbattimento dell'aereo dell'Ukrainian Airlines con a bordo 176 persone di diverse nazionalità. I primi arresti sono stati effettuati, non si sa ancora quante siano, tanto meno la loro identità. Alcune persone sono state arrestate nelle ultime 72 ore, si è limitato a dire il portavoce della magistratura di Teheran lo stato maggiore delle forze armate, che è stato incaricato delle indagini, ha interrogato molte persone, ha poi aggiunto specificando che anche la Magistratura ha avviato un'indagine in collaborazione con l'esercito. E' stato un errore imperdonabile per il Presidente iraniano Rouhani, che ora chiede una Corte speciale per il processo. “la Magistratura dovrebbe formare un tribunale con giudici di alto rango e dozzine di esperti, questo non è un caso normale, il mondo starà a guardare questo tribunale. Non è possibile che sia colpevole solo la persona che ha premuto il pulsante, ce ne sono anche altre e vorrei che questo caso venisse spiegato con onestà”. Intanto le scatole nere del Boeing saranno consegnate a Parigi, l'incidente la mancata ammissione iniziale della responsabilità ha portato centinaia di persone in piazza a Teheran, ma non solo. Nei giorni scorsi la polizia nega di aver usato violenza, ma le immagini mostrano una donna ferita da un proiettile, aiutata da altri dimostranti. Per le proteste sono state fermate circa 30 persone, alcune sono state già rilasciate. Per strada sono scese madri che chiedono giustizia per i figli persi nel disastro, studenti che lanciano slogan contro il regime e si rifiutano di camminare sulle bandiere di Stati Uniti ed Israele. Nell'incidente hanno perso la vita diversi professori universitari, il Paese piange la maggior parte delle vittime del disastro che ha di fatto minato quella compattezza granitica mostrata dopo l'uccisione di Soleimani.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.