La parabola di Andrew Cuomo, travolto da scandali e accuse

09 mar 2021

Per descrivere gli ultimi 12 mesi dell'intraprendente governatore di New York Andrew Cuomo, potremmo prendere in prestito le parole di Dante Alighieri, la vostra fama è come il fiore che nasce e muore, scriveva il sommo poeta. Era la primavera del 2020, quando nel piano della tragedia della pandemia, mentre a Washington il Presidente Trump suggeriva di bere il disinfettante per sconfiggere il virus e si mostrava dubbioso su chiusure e mascherine, l'America in cerca di un altro modello di leadership, guardava lo stato di New York, il governatore democratico che con le sue conferenze stampa quotidiane mostrava empatia, razionalità e dedizione. Una calma tranquilla da condottiero sicuro anche nei momenti più bui della città in lock down, i morti senza nome sepolti nelle fosse comuni, Cuomo ha saputo prendere per mano il suo stato e una delle metropoli più difficili e importanti del mondo, infondendo orgoglio e coraggio. All'ombra dello slogan New York taugh, New York la dura. New York, la città che non s'arrende proprio come lui, nel solco di suo padre Mario Cuomo, il governatore molto amato dello Stato per quasi 10 anni, con un fratello Chris Cuomo giornalista star della Cnn. Dopo la gestione apparentemente di successo di una delle prove più difficili per un qualsiasi amministratore, il cammino di Andrew sembrava segnato e lanciato sulla scena nazionale e si era parlato di lui anche per il ruolo di Ministro di giustizia con la nuova amministrazione, ma la luce della sua stella ha iniziato ad affievolirsi nel 2021, prima con lo scandalo dei numeri truccati al ribasso delle morti nelle case di riposo a New York, poi con le accuse di molestie sessuali avanzate nelle ultime settimane da 5 sue diverse collaboratrici. Commenti e approcci inappropriati per cui in parte Cuomo si è scusato, senza però mai ammettere alcuna colpa, anzi alle richieste bipartisan sempre più insistenti per le sue dimissioni lui ha risposto che non intende assolutamente lasciare perché sarebbe antidemocratico. La giustizia, intanto, sta facendo il suo corso con due inchieste parallele e i rappresentanti repubblicani dello stato hanno presentato ieri una richiesta di impeachment, mentre Cuomo andava a visitare il principale centro vaccinale della città di New York. È convinto che la sua lotta al virus possa offuscare tutto il resto e sentendosi forte anche protetto dal silenzio del suo amico Joe Biden sulla vicenda. Un silenzio che rischia di diventare di giorno in giorno sempre più imbarazzante per la casa Bianca.

pubblicità
pubblicità