L'Argentina piange Maradona: 3 giorni di lutto nazionale

26 nov 2020

Un paese in lacrime tra dolore e sconcerto per la morte del suo idolo, dal centro di Buenos Aires fino ai luoghi simbolo della vita di Maradona è un moltiplicarsi di argentini sbigottiti, con cartelli, candele, fiori, per rendere omaggio al loro campione, il più grande, il più amato. "Non potremo mai ripagarlo per le tante gioie che ci ha dato", ha detto a caldo il Presidente Alberto Fernandez, "è una di quelle morti che non si assorbono in nessun modo. La fortuna che abbiamo avuto di averlo visto, di aver goduto del suo amore", dice Fernandes, interpretando il sentimento di tutti gli argentini e non solo. Per l'ultimo saluto a Maradona si apre la mitica casa Rosada, il Palazzo presidenziale. Non basterà un giorno per garantire a tutti quelli che vorranno di andare a salutare il Pibe. Si prevede almeno un milione di persone e, per quanto possibile, vanno garantite le misure per evitare che si allarghi il contagio di coronavirus. Dolore nel dolore in questo 2020 così triste.

pubblicità