Mauritius, petroliera incagliata, disastro ambientale

09 ago 2020

Le acque cristalline dell'isola di Mauritius sono diventate nere. Queste persone stanno pulendo le spiagge e la costa, invasa dal petrolio. La fuoriuscita di greggio da una petroliera che si è arenata su una barriera corallina sta danneggiando il paradiso naturale di questa zona. In pericolo ci sono coralli, pesci e altre forme di vita marina intorno all'isola dell'oceano indiano. Le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza e hanno chiesto aiuto alla Francia. Parigi ha risposto inviando mezzi e barriere galleggianti per fermare il disastro. "Quando la biodiversità è in pericolo, c'è urgenza di agire. La Francia è là" ha twittato il presidente francese Macron. La nave cisterna di proprietà di un armatore giapponese, ma battente bandiera panamense, trasportava circa 4000 tonnellate di carburante. L'incidente è avvenuto in una zona protetta vicino all'aeroporto. Il mare burrascoso e il vento forte stanno ostacolando i tentativi di raccogliere il gasolio con elicotteri e di arginarlo, piazzando galleggianti. Bisogna fare presto. Il timore degli ambientalisti e che il cargo possa spezzarsi in due.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.