Meghan: "Reali preoccupati da colore pelle di mio figlio"

08 mar 2021

Abbiamo parlato del fatto che non gli verrà data la sicurezza, non gli verrà dato un titolo e anche sulle preoccupazioni esistenti su quanto scura sarebbe stata la sua pelle quando sarebbe nato. Delle tante accuse mosse in due ore d'interviste da Meghan Markle ed il principe Harry con Oprah Winfrey, quella che sicuramente è una bomba sganciata su Buckingham Palace e rende impensabile una riconciliazione con la famiglia reale è quella di razzismo. L'ex attrice di Hollywood ha raccontato alla regina dei salotti americani che la situazione che si era creata intorno a lei era diventata così insostenibile da pensare a più riprese al suicidio e che nessuno, mentre si trovava ancora nel Regno Unito, l'avrebbe aiutata. Anzi, sarebbe stata vittima di un'autentica campagna di denigrazione. Nonostante il fatto che le vicende reali siano molto conosciute anche negli Usa dove il mito di lady Diana è sopravvissuto nei decenni, Meghan ha spiegato di essere arrivata a Corte senza sapere cosa l'avrebbe atteso, di non sapere neppure che si sarebbe dovuta inchinare davanti alla regina e che glielo disse Harry poco prima che la incontrassero per la prima volta. "Sono stata ingenua, ha spiegato. E ancora, a proposito del piccolo Archie che a maggio compirà due anni e che avrà una sorellina in estate la duchessa del Sussex ha sostenuto che sia stato trattato in maniera diversa dagli altri nipoti, che la famiglia reale avrebbe cambiato le regole interne perché non voleva che fosse principe e che di conseguenza il piccolo non ha avuto le garanzie di sicurezza legate al titolo. In realtà, spiegano gli esperti è il protocollo, le secolari regole della famiglia reale che non lo prevederebbero per lui, come per altri nipoti della regina, esclusi i figli dell'erede al trono William. Durissime anche le dichiarazioni di Harry se l'è presa in modo particolare col padre Carlo. Dopo il trasferimento in Canada, ha spiegato il principe, il padre si sarebbe rifiutato di rispondergli. persino al telefono. L'intervista verrà trasmessa in serata nel Regno Unito alle prese anche con notizie che riguardano il consorte della regina Elisabetta, il principe Filippo, 99 anni, in ospedale da due settimane.

pubblicità
pubblicità