Migranti, allestite tende per i 900 del campo di Lipa

13 gen 2021

Noi siamo davanti a quello che resta del Campo di Lipa andato distrutto il 23 dicembre scorso e davanti a quella che è la nuova tendopoli allestita dall'esercito bosniaco, dalla Croce Rossa per dare un alloggio alle quasi 1000 persone che erano rimaste senza nessun alloggio. Preoccupano le condizioni climatiche perché ci troviamo a 20 km dalla cittadina più vicino, ci troviamo in una zona abbastanza alta. Qui le temperature calano la notte fino a -20. La neve è caduta copiosa anche questa mattina. In questo momento è abbastanza alta, 40 le persone sistemate in ogni tenda. Gli ochchi sono puntati evidentemente su questa soluzione di emergenza, così come suo quei campi che vi abbiamo mostrato che si trovano sulle montagne che confinano con la Croazia, non lontano da qui, siamo sempre nella stessa area, e lì ci sono decine e decine di persone che si sono sistemate con sistemazioni davvero di emergenza per tentare di attraversare il confine. Ci hanno raccontato dei respingimenti, ci hanno raccontato le violenze subite dalla polizia croata e di come siano stati poi rispediti indietro. Tanto ci hanno detto: noi ci riproviamo perché vogliamo andare in Europa. 400 le persone invece, famiglie e bambini che si trovano Bihać appunto, quella cittadina, la più vicina a 20 chilometri da qui. Tra loro 50 minori non accompagnati, ma quello che possiamo dirvi è che abbiamo incontrato anche qui a Lipa alcuni minorenni che invece stanno in queste tende. L'Unione Europea: sarà qui un rappresentante dell'Unione europea proprio per capire che cosa sta accadendo e soprattutto come si sta in questa tendopoli.

pubblicità
pubblicità