Migranti, Moavero presenta proposta italiana in UE

15 lug 2019

Un piano per un approccio strutturato alle migrazioni per evitare il continuo ricorso a soluzioni dell'ultimo minuto. È quanto illustrato dal Ministro Moavero Milanesi ai suoi colleghi riuniti a Bruxelles per il Consiglio Affari Esteri. Si punta su più investimenti nei paesi d'origine per evitare le partenze, la possibilità di richiedere asilo in Europa già nel primo Paese sicuro più vicino, con il successivo trasferimento attraverso corridoi umanitari. La ripresa delle missioni navali nel Mediterraneo ma senza l'automatismo degli sbarchi in Italia. I porti franchi in tutti I paesi europei del Mediterraneo, con centri controllati per smistare i migranti in tutti gli stati membri, superando così il principio del primo ingresso, sancito dal regolamento di Dublino. Bene che si discuta di soluzioni strutturali, commentano dalla Commissione Europea, anche se le proposte italiane non sembrano per la verità rivoluzionarie e idee simili si sono già scontrati con le resistenze di altri paesi dell'unione. Scettica, ad esempio, l'Austria che parla di ritorno al passato mentre il ministro tedesco Roth, pur apprezzando lo sforzo costruttivo di Roma, parla di assenza di contributi sostanziali e rilancia chiedendo un meccanismo di ripartizione immediata, proposta su cui Italia e Germania lavoreranno insieme. Sulla questione dei fondi per l'Africa e poi l'alta rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini, a ricordare che le risorse si stanno esaurendo e che molti paesi non hanno contribuito, mentre il suo successore designato, lo spagnolo Josep Borrell, applaude all'iniziativa italiana, anche se sottolinea che la questione sbarchi è di competenza dei Ministri dell'Interno e non degli Esteri. E proprio un vertice interni è fissato per giovedì a Helsinki, atteso anche il ministro Salvini. L'obiettivo della Presidenza finlandese è quella di una soluzione basata sulla condivisione delle responsabilità e che possa garantire risposte rapide, senza ulteriori difficoltà per i migranti.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.