Morto Bernie Madoff, autore della truffa del secolo

14 apr 2021

E' morto a 82 anni al Federal Medical Center di Butner in Nord Carolina, negli Stati Uniti, Bernard Madoff, lo spericolato finanziere newyorkese considerato il più grande truffatore nella storia d'America. A nulla sono serviti gli appelli dei legali che chiedevano un gesto di clemenza nei confronti del loro assistito afflitto da un tumore che non avrebbe lasciato scampo. Niente da fare, la pietà non è contemplata per chi, fino al 2008, truffò migliaia di persone attraverso una catena di Sant'Antonio che drenò miliardi di dollari a migliaia di ignari investitori. Il sistema era semplice: attraverso l'acquisizione di nuovi clienti si pagavano gli interessi che mano mano il sistema maturava. Solo un piccolo dettaglio mandò in frantumi il progetto. La crisi dei mutui sub-prime, i terremoti finanziari che ne derivarono furono così violenti da portare alla luce ciò che nemmeno la SEC, l'organo di controllo della Borsa americana, riuscì a scoprire. Un raggiro planetario che mando gambe all'aria migliaia di persone. La carriera di Madoff cominciò negli anni 60 quando fondò la sua prima società: la Bernard Madoff Investment Securities, da dove mosse i primi passi a Wall Street. Gli affari andavano a gonfie vele, la sua reputazione era alle stelle tanto che divenne presidente del Nasdaq. Le frequentazioni con i potenti di tutto il mondo coniugati a modi affabili e persuasivi fecero breccia nei cuori e, quel che è più grave, nei portafogli di migliaia di risparmiatori. Alla fine furono 30 mila i clienti truffati in 136 paesi e dei 65 miliardi del bottino ne vennero recuperati soltanto 13. Furono i figli a denunciarlo alle Autorità, in particolare Mark, morto suicida nel 2010 quando al padre erano già stati inflitti 150 anni di carcere.

pubblicità
pubblicità