Navalny story, principale oppositore Putin sta morendo

19 apr 2021

Alexei Navalny è un avvocato russo, considerato il più importante e popolare oppositore al Presidente Vladimir Putin. Deve buona parte della sua popolarità al blog contro la corruzione governativa, divenuto molto seguito dal 2007. Nel dicembre del 2011 Navalny diventa leader delle proteste popolari contro i presunti brogli alle elezioni parlamentari russe, vinte dal partito di Vladimir Putin. Il 27 febbraio del 2015 Boris Nemtsov, leader del partito di opposizione, Coalizione Democratica, viene ucciso a Mosca e Navalny ne raccoglie il testimone. Nell'agosto del 2020 Navalny accusa un grave malore a bordo di un volo che lo stava riportando a Mosca da Tomsk, in Siberia. Dopo due giorni, su richiesta della moglie, viene trasferito nella terapia intensiva di un ospedale di Berlino. Il governo tedesco farà sapere che Navalny è stato avvelenato con un agente chimico, il Novichok. Dopo la convalescenza, il 17 gennaio 2021, rientra in Russia dalla Germania. A Mosca viene arrestato, in connessione alla violazione della libertà vigilata per una precedente condanna di corruzione. Il 28 febbraio viene trasferito in carcere a 100 km a est di Mosca. Da fine marzo è in sciopero della fame, per chiedere un trattamento medico adeguato in carcere. A metà aprile arriva l'allarme dei suoi medici personali, Navalny rischia di morire da un momento all'altro.

pubblicità
pubblicità