Olimpiadi Giappone, i rischi della cancellazione

17 mag 2021

In Giappone, sembra, non le voglia più nessuno. A parte i sondaggi che, oramai da mesi, indicano in circa l'80% la percentuale dei cittadini contrari. L'opposizione alle Olimpiadi di Tokyo sta oramai estendendosi a ogni livello: dalle associazioni nazionali di medici, infermieri, che mettono in guardia verso i rischi sanitari, a intere regioni e città che chiudono le proprie strade alla torcia olimpica e cancellano i programmi di ospitalità delle squadre. Per non parlare dei vip, dopo Federer e Nadal anche la popolare tennista locale Naomi Osaka ha auspicato la cancellazione. I giochi di Tokyo, già rinviati l'anno scorso, stanno insomma trasformandosi in una sorta di scommessa, un pesante onere che il Giappone, che al momento dell'assegnazione aveva accolto con grande entusiasmo la nuova sfida, ora è in qualche modo costretto a portare avanti suo malgrado. "Ichika bachika" dicono qui "o la va o la spacca". La vera domanda, comunque, oramai sulla bocca di tutti è: "Ma le Olimpiadi, a questo punto, si possono ancora cancellare? E da chi dipende?". La risposta è solo apparentemente semplice: "Sì, si possono cancellare". Ma questo lo può fare solo il CIO, il Comitato Olimpico Internazionale, che è il proprietario dei giochi. La clausola esiste, può essere fatta valere in caso di circostanze estreme: guerra, calamità naturali, emergenze sanitarie. È successo tre volte in passato, nel 1916, nel '40 e nel '44, sempre a causa delle guerre. Ma il CIO, lo prevede il suo statuto, deve anche garantire la salute degli atleti ed ecco un altro motivo che potrebbe giustificare, nella situazione attuale, la cancellazione. Anche il Giappone potrebbe, in realtà, cancellarle ma in questo caso dovrebbe accollarsi gli enormi costi, o almeno, così si dice. In realtà non è così. Sia il CIO che il Governo, il comitato organizzatore locale, gli sponsor e i network televisivi, che si sono aggiudicati i diritti, sono assicurati e verrebbero dunque rimborsati. E infatti le compagnie di assicurazioni tremano. La cancellazione delle Olimpiadi potrebbe rappresentare il più alto risarcimento mai pagato nella storia.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast