Papa in Slovacchia: Europa, ritorna il centro della storia

13 set 2021

C'è stata l'Europa, con la sua drammatica storia di ieri e la sua complicata storia di oggi, al centro del secondo giorno del Papa in Slovacchia. È iniziato con la visita privata alla Presidente della Repubblica dentro il suo palazzo testimone dello scorrere del tempo: qui Hydin presentò per la prima volta molte delle sue opere, il nazismo lo trasformò nel suo Quartier Generale in Slovacchia, con il comunismo divenne la Casa della Gioventù. Poi il Papa arriva qui, nei giardini del Palazzo Presidenziale di fronte a 500 persone, membri del Governo, rappresentanti politici e della società civile e fa un discorso molto importante. Dal cuore dell'Europa si rivolge non solo alla Slovacchia ma a tutto il Vecchio Continente. E Francesco incita l'Europa a ritornare al centro della storia, recuperando la solidarietà mentre nel mondo si lotta invece per la supremazia. "Dopo durissimi mesi di pandemia si prospetta, insieme a molte difficoltà, una sospirata ripartenza economica. Favorita dai piani di ripresa dell'Unione Europea. Si può correre tuttavia il rischio di lasciarsi trasportare dalla fretta e dalla seduzione del guadagno, generando una euforia passeggera che anziché unire divide". È un Papa che si mostra in ottima forma nonostante l'operazione di luglio al Colon e ai giornalisti che, mentre entra nella Cattedrale di San Martino, gli chiedono come sta, risponde con ironia: "Sono ancora vivo". Ai cattolici Francesco chiede di trovare nuovi alfabeti per comunicare la fede, poi va in un centro delle suore di Madre Teresa che ospita senzatetto, per indicare come la fede, quando è vissuta, sappia costruire opere concrete. E la storia dell'Europa, con i suoi orrori e crudeltà, ritorna nella visita a quello che fu il Quartiere Ebraico. Nell'Olocausto vennero sterminati 105 mila ebrei slovacchi, terminata la guerra Quartiere e Sinagoga furono poi rasi al suolo dal regime comunista. Un sopravvissuto della Shoah racconta la sua drammatica storia. Qui il nome di Dio è stato disonorato, dice Bergoglio. "Cari fratelli e sorelle la vostra storia è la nostra storia, i vostri dolori sono i nostri dolori".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast