Papa: teconologia e economia possono violare dignità uomo

02 feb 2020

In Italia è la Giornata della Vita. Papa Francesco all'Angelus parla contro l'aborto e l'eutanasia, unisce la sua voce a quella dei vescovi in difesa della vita nascente e di quella che sta terminando. "Occorre rinnovare" dice, "l'impegno di custodire e proteggere la vita umana, dall'inizio fino al suo naturale termine", ma Bergoglio allarga lo sguardo e segnala che la vita va difesa anche in altri campi, la dignità delle persone può essere umiliata dalla tecnologia e dall'economia. È necessario contrastare ogni forma di violazione della dignità, anche quando è in gioco la tecnologia o l'economia, spalancando le porte a nuove forme di fraternità solidale. È anche la giornata della vita consacrata e sono moltissimi in tutto il mondo ad avere dedicato tutta la vita a Cristo e di conseguenza gli uomini considerati fratelli. Francesco fa pregare i fedeli per tutti loro e parla dello sguardo che occorre avere nella vita per poter vedere davvero le cose. Uno sguardo colmo di stupore. La capacità di stupirsi delle cose che ci circondano favorisce l'esperienza religiosa e rende fecondo l'incontro con il Signore, al contrario l'incapacità di stupirci ci rende indifferenti e allarga le distanze tra il cammino di fede e la vita di ogni giorno.

pubblicità