Pechino chiede a Pyongyang di rispettare decisioni onu

06 ago 2017

Wang Yi, voce delle scelte internazionali del Partito comunista cinese, parla da Manila in modo chiaro e netto al regime di Kim Jong-un. Rafforza la posizione di condanna espressa da Pechino al Palazzo di Vetro di New York dopo il “sì” alla risoluzione, in cui si attivano pesanti sanzioni economiche contro lo sviluppo del nucleare militare della Corea del Nord. In un incontro bilaterale, lontano dai riflettori del vertice ASEM per la sicurezza dei Paesi del Sud-Est asiatico, il Ministro degli esteri cinese esorta il suo omologo nordcoreano, Ri Yong-ho, a rispettare la risoluzione ONU e a cessare le provocazioni internazionali di regime, inclusi i test missilistici. È da tempo che l’insofferenza dei cinesi verso il regime di Pyongyang, da sempre relegata nelle stanze segrete della diplomazia comunista, è diventata palese. Il passo di Pechino è definitivamente cambiato. La Cina volta le spalle alle assurde bizzarrie militari del piccolo dittatore di Pyongyang. Da mesi non compra più il carbone nordcoreano, uno degli export più colpiti dalle nuove sanzioni, che incideranno complessivamente per un miliardo, pari a un terzo del PIL nordcoreano. Consapevole che le misure restrittive sono pesanti, Wang Yi ammette che sono state progettate in modo efficiente per bloccare lo sviluppo dei missili nucleari della Corea del Nord. Sanzioni necessarie, dunque, per la Cina, ma che hanno come obiettivo finale di riportare la questione nucleare al tavolo dei negoziati e cercare una soluzione definitiva, dice e spera Wang Yi, per realizzare la denuclearizzazione della penisola e la stabilità a lungo termine attraverso i negoziati. Più che un invito, un “alto là” perentorio all’erede della dinastia Kim Jong, affinché fermi le crescenti tensioni in tutta l’area.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast