Pilota elicottero Bryant stava salendo per evitare nubi

28 gen 2020

Aveva chiesto un costante monitoraggio da parte dei controllori di volo il pilota ai comandi dell'elicottero su cui viaggiava Kobe Bryant con la figlia Gianna Maria e altre 7 persone, che domenica mattina si è schiantato sulle colline vicino Santa Monica, a circa 40 miglia da Los Angeles. Dalla conversazione tra il pilota, tra l'altro esperto, con oltre 8000 ore di volo alle spalle e la torre di controllo, emerge innanzitutto che aveva avuto l'autorizzazione a volare a vista, a volare cioè mantenendo sempre il contatto visivo con il suolo. Nel suo ultimo messaggio ai controllori avvertiva che stava salendo di quota per evitare un banco di nebbia. Poi più nulla. Secondo i testimoni non c'è stata un'esplosione, né fuoco, né fumo, piuttosto un rumore sordo, di un impatto come di un masso contro il muro. Nulla è escluso al momento né l'errore umano, né un guasto all'elicottero, ma ci si domanda se il pilota avrebbe dovuto o meno volare in quelle condizioni meteo. Per saperlo bisognerà aspettare i risultati dell'indagine della National Transportation Safety Board, l'ente che si occupa proprio degli incidenti di volo, ma con il passare delle ore prende sempre più consistenza proprio l'ipotesi che a provocare l'incidente sia stata la scarsa visibilità. Nuvole basse e una nebbia tanto fitta da avere indotto il Dipartimento di Polizia di Los Angeles a lasciare a terra i suoi elicotteri. Per averne la certezza però, per ricostruire con esattezza la dinamica, occorrerà ancora del tempo e del tempo servirà anche per il recupero dei corpi e per la loro identificazione. Pericolosa e impervia la zona dell'impatto, logisticamente un incubo, l'ha definita lo sceriffo della Contea di Los Angeles.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.