Primo giorno da comandante della ISS per Luca Parmitano

02 ott 2019

“Il mio equipaggio è fatto di uomini e quindi il mio ruolo sarà quello di lavorare con gli uomini e le donne del mio equipaggio”. Parlava già da leader Luca Parmitano nel suo primo collegamento con la Terra, una settimana dopo l'arrivo a bordo della stazione spaziale internazionale. “Il futuro – aggiungeva – è il nostro mestiere”. Il suo diventa quello di primo Comandante italiano dell'avamposto spaziale, orbitante intorno alla Terra a 400 chilometri d'altezza. Il passaggio formale di consegne con il precedente equipaggio, guidato dal cosmonauta russo Alexei Ovchinin, segna l'avvio della seconda parte della missione di lunga durata “Beyond”, oltre, per il Colonnello dell'Aeronautica Militare, già protagonista della missione “Volare” nel 2013. “Sarò un facilitatore” ha spiegato AstroLuca, terzo astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea, a ricoprire questo fondamentale ruolo a bordo della stazione, dopo Frank Devine e Alexander Gerst. Io sarò a servizio dell’equipaggio, per fare in modo che il lavoro svolto a bordo sia della migliore qualità possibile. Per lui da qui a febbraio è previsto un fitto programma di esperimenti, tra cui uno di tele robotica per guidare a distanza un Rover, che raccoglie campioni di roccia sulla Terra. E poi la più complessa serie di attività extra veicolari mai effettuate all'esterno della stazione, a partire da novembre.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.