Sebastian Kurz, ascesa e caduta dell'enfant prodige

11 ott 2021

Lo chiamavano “Wunderwuzzi”, un'espressione tipica viennese, il giovane Sebastian Kurz, che a Vienna è nato e cresciuto anche politicamente, diventato Cancelliere a 31 anni. Prima di allora, una carriera promettente iniziata nel 2003 tra le fila del Junge Volkspartei che l’ha portato ad essere il più giovane Segretario di Stato a 24 anni e Ministro degli Esteri a 27. Carismatico, con una pacatezza che mitigava decisionismo ferreo, molto ambizioso. Un ragazzo prodigio della politica austriaca a cui anche l’Europa guardava con curiosità. Con un serbatoio politico riempitosi particolarmente con la crisi dei migranti del 2015, quando Kurz chiuse la rotta balcanica ma, di fatto, ne aprì molte per la sua carriera. Un pilastro, quello del blocco dell’immigrazione, su cui ha concentrato la campagna elettorale del 2017 che, da rivelazione, lo trasformò nel nuovo che stava avanzando, capace di riportare i giovani alle urne. In grado di trasformare in poco tempo il Partito Popolare Austriaco, solo pochi mesi prima, cambiandone il colore: il nero che diventa azzurro, un comitato elettorale popolato da liceali e universitari. E l’Austria che sembrava accogliere questo ex studente di giurisprudenza, mai laureato, nato e cresciuto nel quartiere viennese di Meidling con mamma insegnante e papà ingegnere, dove tuttora vive in un appartamento di 65 metri quadrati, ma con la compagna di sempre, Susanne. Un giovane che aveva un motto: “Zeit für Neues”, ovvero “è tempo per qualcosa di nuovo”. Ma cosa, di nuovo, ha portato Kurz? Quasi nulla, visto che è stato inghiottito dalla vecchia corruzione, rivestita soltanto di nuovo. Un ragazzo della porta accanto non nuovo agli scandali. Già nel 2019 Kurz era riuscito a superare la crisi che aveva portato alla caduta del suo primo Governo, facendosi rieleggere dopo l'Ibiza-gate, scandalo di corruzione che aveva travolto Strache, leader del partito di destra, con cui Kurz si era alleato dopo le elezioni del 2017. Il "Wunderwuzzi", però, ha continuato a mostrare ai conservatori europei come vincere le elezioni, mantenendo il pugno di ferro ma rimanendo sempre – seppur apparentemente – pacato e modesto. Ora emergono alcune crepe: la Procura Speciale per la Lotta alla Corruzione lo accusa di concussione, corruzione e abuso di fiducia. Nonostante tutto, resterà in Parlamento e alla guida dei Popolari austriaci. Come mago politico, ora, Sebastian Kurz è completamente disincantato. E, agli occhi di tutti, si mostra come un imperatore che, ad un esame più attento, non ha alcun vestito addosso.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast