UE contro AstraZeneca: Ora si renda pubblico il contratto

27 gen 2021

I 27 sono Uniti nella convinzione che AstraZeneca debba mantenere gli impegni presi, dice la commissaria alla salute Kyriakides, mentre i rapporti tra Bruxelles e la compagnia anglo svedese si fanno sempre più difficili con l'azienda arrivata anche a minacciare di non presentarsi all'ennesimo incontro con la Commissione. Pesano le dichiarazioni del numero uno della società, Pascal Soriot secondo cui AstraZeneca sta dando priorità al Regno Unito, perché l'accordo è stato firmato 3 mesi prima e che non c'è alcun obbligo nei confronti dei 27 in termini di dosi in quanto nel contratto è stato indicato solo che l'azienda farà del suo meglio. Un principio che, secondo Kyriakides non è né corretto né accettabile, tanto che Bruxelles ora chiede di desecretare le carte. Nel contratto sarebbero indicati quattro stabilimenti, due il Regno Unito, uno in Germania e uno in Belgio. Quest'ultimo è quello che sta avendo problemi di produzione, ma sottolineano fonti europee da nessuna parte, è stato indicato che i due impianti oltremanica fossero riservati alle dosi prenotate da Londra. Senza un riequilibrio, dunque, le forniture del primo trimestre saranno ridotte di 3 quarti, senza peraltro alcuna certezza sui 3 mesi successivi. Dalla Commissione si ricorda poi che i 27 hanno investito per il vaccino di AstraZeneca 336 milioni, anche se non tutte le tranche sono già state pagate, assumendo così il rischio di una mancata autorizzazione dell'Ema, ma non quello di sufficiente capacità produttiva. Inoltre dai dati delle dogane, risulterebbe che alcuni vaccini prodotti in Europa sono esportati verso paesi terzi. Per questo Bruxelles vuole ora che tutte le future spedizioni fuori dell'unione vengano preventivamente comunicate per ragioni di trasparenza. Siamo pronti al dialogo e vogliamo trovare delle soluzioni, ripetono dalla Commissione sperando in un lieto fine così come è stato con la vicenda Pfizer Biontech, ma arrivati ormai a un passo dall'autorizzazione dell'Ema le posizioni sono ancora molto distanti.

pubblicità
pubblicità