V-Day, in alcuni Paesi scattato piano vaccinale anti Covid

07 dic 2020

Londra è pronta per il vday, è il primo Paese occidentale ad aver dato il via libera alla somministrazione pubblica e primo al mondo ad aver autorizzato il prototipo di nuova concezione elaborato dai laboratori tedeschi BionTech in partnership con il colosso farmaceutico americano Pfizer. La Gran Bretagna fa scattare da domattina le prime vaccinazioni anti Covid, circa 800000 dosi. Toccherà a gennaio alla regina e al principe Filippo che non riceveranno un trattamento speciale, attenderanno in coda il loro turno, hanno chiarito da Buckingham Palace. Probabile che poi Elisabetta scenda in campo rendendo pubblica la vaccinazione effettuata con l'intento di indebolire le posizioni No Vax e cospirazionista. In Russia l'avevano annunciato e così è stato. È partita ieri da Mosca la vaccinazione di massa con lo Sputnik V, registrato lo scorso agosto. Oggi migliaia di dosi sono state ricevute dal personale militare nella regione russa dell'estremo Oriente di Zabaykalsky. Un altro migliaio è stato trasportato in minivan refrigerati in un magazzino nella regione di Celiabinsk dalla quale i vaccini saranno distribuiti per essere somministrati a medici e operatori sanitari, insegnanti, ed assistenti sociali. Secondo i media locali, altre 2000 dosi saranno iniettate entro la fine dell'anno a chi è in prima linea e su base volontaria. Scattate le vaccinazioni anche in Indonesia, che ieri ha ricevuto le prime dosi dalla Cina dove, a sentire le indiscrezioni, sarebbero già centinaia di migliaia le persone vaccinate, seppure il vaccino debba ancora essere valutato dall'agenzia alimentare farmaceutica del Paese, l'amministrazione di Giakarta si prepara a somministrarlo agli oltre 270 milioni di persone del vasto arcipelago.

pubblicità
pubblicità