Vaccinati Usa, cosa si può fare

09 mar 2021

L'attesa era quella dei grandi eventi, dell'appuntamento con la storia, così come altissima era la preoccupazione della polizia che ha blindato il tribunale e l'attenzione dei media che per la prima volta in Minnesota sono stati autorizzati a trasmettere un processo criminale. E invece il procedimento per l'omicidio di George Floyd, afroamericano, soffocato da un agente bianco che lo tenne fermo a terra con un ginocchio sul collo, perché in un negozio di Minneapolis aveva pagato una banconota da 20 dollari contraffatta, è cominciato con una falsa partenza. Si doveva iniziare la selezione dei giurati, ma il giudice ha rimandato di un giorno, in attesa che una Corte d'appello decida se Derek Chauvin debba rispondere, oltre che delle imputazioni di omicidio volontario a colposo, anche di quella di omicidio di terzo grado. L'ex poliziotto in libertà su cauzione era in aula e rischia almeno 15 anni di carcere, anche se l'accusa vorrebbe molto di più perché il delitto, ripreso in un video che ha fatto il giro del mondo, è avvenuto davanti a dei minori, oltre ad essere diventato il simbolo delle frequenti e quasi sempre impunite violenze della polizia nei confronti degli afroamericani. Gli 8 minuti del brutale fermo, la supplica dell'uomo che diceva di non riuscire a respirare, sono stati immortalati su adesivi e magliette, sono diventati slogan e hanno portato alla ribalta il movimento black lives matter, sfociando in proteste e scontri in tutto il Paese. Il dibattimento non comincerà prima di fine mese, a un anno dal delitto, a maggio, potrebbe arrivare la sentenza sulla quale comunque vada, l'Fbi teme che si confrontino BLM e suprematisti bianchi.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast