Venezuela, nuove manifestazioni il 6 aprile

02 apr 2019

Il prossimo 6 aprile sarà un nuovo giorno di grandi manifestazioni in Venezuela con il presidente Nicolás Maduro e l'opposizione guidata dal giovane Juan Guaidò, determinati a scendere in piazza. Il numero uno dell'Assemblea nazionale, autoproclamatosi Presidente ad interim del Venezuela, si è detto non preoccupato per la sentenza del Tribunale Supremo di Giustizia che ha chiesto all'Assemblea nazionale costituente di rimuovere l'immunità di cui Guaidò gode. "Non dubitate del fatto che mi vogliano mettere in carcere" ha detto ad un gruppo di sostenitori a Caracas, ricordando che il 6 aprile avrà luogo l'Operazione Libertad contro l'usurpazione di Maduro. Una manifestazione che nei piani degli organizzatori dovrebbe arrivare in corteo fino al Palazzo presidenziale di Miraflores. Il regime ha risposto con Diosdado Cabello, Vicepresidente del Partito Socialista Unito del Venezuela, che ha annunciato che lo stesso giorno si svolgerà su tutto il territorio nazionale una mobilitazione in difesa della sovranità e contro l'imperialismo. Intanto il Paese continua a fare i conti con i ripetuti black out e la scarsità di acqua potabile. Maduro ha sostituito il Ministro dell'Energia Elettrica, ma la situazione è ben lungi dall'essere risolta. Proprio durante una manifestazione di protesta nello Stato di Zulia, al confine con la Colombia e uno dei più colpiti dalle interruzioni di corrente, una donna di 70 anni è morta perché colpita in volto da un proiettile sparato dei cosiddetti colectivos, gruppi di civili armati fedeli al Governo.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.