Virus, a Miami caos per feste durante Spring break

24 mar 2021

Alla vigilia di un altro lungo week end, Miami si prepara ad una nuova invasione da parte di studenti americani che arriveranno qui per festeggiare lo spring break, la pausa dalle elezioni del college, in quello che è uno dei paradisi statunitensi con bellissime spiagge e mare caraibico, ma anche un'oasi libera da restrizioni covid, con ristoranti, bar, club aperti e con pochissime limitazioni. Un paradiso che però potrebbe provocare un momento di casi non solo a Miami ma in tutta America, con il ritorno dei vacanzieri alle proprie destinazioni. Una preoccupazione condivisa da Luca Lombardi, medico italiano che da oltre vent'anni vive a Miami. Si assolutamente, questa è una preoccupazione che abbiamo tutti, abbiamo già visto che nella scorsa settimana i livelli di infezione sono aumentati inevitabilmente perché comunque non ci sono restrizioni. La maggior parte degli spring breaker non osservano nessun tipo di restrizioni dal punto di vista preventivo, quindi sicuramente una grossa preoccupazione che tutti noi che viviamo qui a Miami abbiamo. La città ha imposto un coprifuoco dalle 8.00 della sera alle 6.00 del mattino, da giovedì a domenica, fino a metà aprile per cercare di limitare il contagio, ma anche per proteggere i residenti dalle aggressioni, dai vandalismi dei turisti come quelli della settimana scorsa. Un coprifuoco che però secondo alcuni, come questo autista di Uber, servirà a ben poco.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast