Virus cina, wuhan città fantasma

26 gen 2020

Le immagini riprese da un blogger di Wuhan raccontano di strade vuote, controlli a tappeto, negozi chiusi e supermercati presi d'assalto. La quarantena, che tocca 56 milioni di cinesi nella città epicentro della nuova infezione polmonare causata dal coronavirus, riporta un'atmosfera spettrale da film apocalittici. La megalopoli da 11 milioni di abitanti è deserta, solo poche auto private in giro. I residenti sono in casa come richiesto dalle autorità, con scorte di viveri, e ora centri autorizzati distribuiscono generi di prima necessità. La calma della strada contrasta con il caos degli ospedali. Diverse decine i morti, centinaia sono in gravi condizioni in terapia intensiva, infettati dal virus passato da animali selvatici vivi all'uomo e poi da uomo a uomo. Migliaia sarebbero i pazienti risultati positivi ai test in osservazione e il sindaco di Wuhan dichiara di attendersi un migliaio di contagi in più nelle prossime ore. Ma Xiaowei, il primo ministro responsabile della National Health Commission, paventa scenari anche peggiori. Assicura collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Al sesto caso confermato a Hong Kong scattano le proteste e la piazza si infiamma. Ed è corsa contro il tempo nei laboratori per trovare un vaccino. Negli ospedali della prima linea, conferma la National Health Commission cinese, si usa una combinazione di farmaci sin qui utilizzata per i pazienti affetti dal virus dell'HIV. Ma fermare la diffusione, nonostante le misure di quarantena e il divieto di commercializzare animali selvatici in tutta la Cina, sembra davvero complesso. L'infezione si trasmette anche nella fase di incubazione stimata in 14 giorni, vanificando in parte i controlli biotermici. L'Organizzazione Mondiale della Sanità rende noto che sono 23 i casi confermati in tutto il mondo in 9 Paesi. E dopo gli Stati Uniti, che hanno organizzato un volo per la prossima settimana, Giappone, Francia e Italia stanno valutando piani di evacuazione per i propri concittadini dalla città di Wuhan.

pubblicità