Virus, il rebus della riapertura dei confini nell'UE

17 mag 2020

Vista così sembra il remake dello smantellamento della Cortina di ferro con tanto di festa e brindisi senza distanziamento sociale. In realtà altro non è che la fine del lockdown tra gli Stati. In questo caso tra Germania e Svizzera, con la riapertura delle frontiere nello spazio Schengen, che erano state chiuse per il virus. Ma su questo finora i singoli paesi dell'Unione Europea si sono mossi autonomamente. Alcuni hanno già riaperto una parte dei propri confini, come appunto la Germania e come l'Austria, che ha di fatto riaperto con tutti tranne che con l'Italia. "Non ci sono prospettive di normalizzazione", ha sentenziato il cancelliere Kurz. Italia che invece riaprirà il 3 giugno, quando è previsto il ripristino della circolazione per i cittadini dell'area Schengen senza quarantena e autocertificazione. Nell'attesa, a cercare una linea comune sarà la video conferenza dei ministri degli Esteri di alcuni paesi, 9 su 27, in pratica quelli del Mediterraneo più Germania e Portogallo, alla quale parteciperà anche Di Maio. Il tentativo non è quello di trovare un calendario comune, ma di individuare misure volte a facilitare la ripresa del turismo, almeno di quello balneare.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast