Di Maio dopo l'incontro con il Pd: obiettivo i 10 punti M5s

Io e Alessandro ci sentiamo sempre ed è chiaro che il concetto espresso da Alessandro è un concetto non solo legittimo, ma sano di una democrazia perché io ieri sono stato al Quirinale e ho detto chiaramente che il nostro obiettivo sono i dieci punti, dieci punti che ho elencato. Il primo è il taglio dei parlamentari, ci sono il taglio delle tasse, c’è l'economia circolare, c’è l'autonomia, c'è un piano di investimenti per il sud. Ci sono tante riforme da fare. Ora c'è un tavolo di confronto con il Partito Democratico. Mi auguro che a questo tavolo si chiariscano le idee sul taglio dei parlamentari perché qui si parla di poltrone, di passi indietro, passi avanti. Gli unici che devono fare un passo indietro sono 345 politici che nella prossima legislatura non vogliamo più, perché li tagliamo. Ma con la Lega è chiuso il dialogo? Guardi, io in questo momento le posso dire che il nostro obiettivo, è approvare quei punti e sappiamo che su quei punti ci è stata data una disponibilità dal Partito Democratico. Ma vedo anche che già litigano, quindi questo... Ma anche la revoca delle… Io sono al Twitter di Zingaretti di ieri, che diceva che i dieci punti andavano bene. Poi vediamo. Grazie, grazie. Grazie, mille. Grazie. Non chiude, lei non chiude… Okay, ragazzi, ho finito. Abbiamo contrattato le risposte adesso mi fate andare, però.


  • TAG