Fine vita, spaccatura nel mondo politico con polemiche e tensioni

Le polemiche non mancano e sono nette le divisioni dopo la sentenza della Consulta sul fine vita. Spaccata la politica e se da molte parti viene invocata la massima convergenza a prescindere dall'appartenenza politica, i Presidenti delle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera hanno chiarito che la sentenza sarà esaminata quanto prima. "Sul fine vita il Senato farà la sua parte e spero che il Parlamento tenga conto delle tante sensibilità che ci sono su questo tema, come su tutti i temi di carattere etico", le parole della Presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati. "La Consulta si è espressa in un modo molto chiaro. Il Parlamento adesso dovrà darsi da fare e lavorare al meglio nel solco di ciò che ha espresso la Corte costituzionale", il commento invece del Presidente della Camera, Roberto Fico. Nel dettaglio il fronte grillino guarda avanti. "Prendiamo atto con estremo favore la sentenza della Corte costituzionale che non esitiamo a definire storica", il messaggio dei 5 Stelle. Resta più complesso il discorso dentro il Pd, anche se il centrosinistra saluta con favore il pronunciamento della Corte, dicendosi pronto a mettere mano alla legge. Dà +Europa si parla di vittoria di diritto e della Costituzione. Io credo che siamo di fronte a una vittoria del diritto, della Costituzione e a un avanzamento delle libertà individuali nel nostro Paese. Sarà comunque necessario un lavoro del Parlamento. Sarà comunque necessario un lavoro parlamentare che vada a disciplinare tutta una serie di aspetti che evidentemente la sentenza della Corte non può disciplinare. Nel duro confronto politico di tutt'altro avviso la Lega, a cominciare da Matteo Salvini. "Il suicidio per legge non lo approverò mai", ha dichiarato il segretario del Carroccio. Per Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, la sentenza della Corte costituzionale è una doppia sconfitta, una sconfitta per la politica e il Parlamento. Che lo Stato debba e le leggi debbano regolamentare la tua libertà di dire "voglio porre fine alla mia vita" è un precedente che diventa pericoloso.


  • TAG