Amministrative, Giorgetti: strumentalizzato su candidati

28 set 2021

Giancarlo Giorgetti, in vista del voto nelle grandi città, non riesce a farsi scaldare il cuore da alcuni candidati del centro-destra. Anche se il Ministro dello Sviluppo Economico taglia corto sulle reazioni che la sua sortita ha provocato: "Polemiche sterili, sono stato strumentalizzato". Ma il fatto che a Roma e a Milano il numero due della Lega sembra scettico sulle chances di vittoria di Enrico Michetti, nella corsa per la conquista del Campidoglio, e di Luca Bernardo, nell'ingresso trionfale a Palazzo Marino, non poteva passare inosservato. Nella Capitale la sua fiducia va a Carlo Calenda, candidato Sindaco di Azione, che potrebbe calamitare i voti dell'elettorato moderato deluso dalla scelta del tribuno di Radio Radio come campione della destra sovranista. Se alla fine il ballottaggio fosse tra Roberto Gualtieri e Carlo Calenda per il PD assomiglierebbe ad un derby imbarazzante e per il centro-destra ad una debacle. Dal canto suo Michetti ostenta tranquillità: "Preoccupato che Calenda mi rubi i voti? Assolutamente no. I cittadini di Roma sanno chi votare, quindi io mi rimetto al loro giudizio". Silvio Berlusconi difende Michetti da chi, anche in Forza Italia, non è entusiasta definendolo un grande professionista di estrazione moderata ed è pronto ad andare in soccorso di Bernardo ribadendo che senza Forza Italia non si vince. Calenda ricambia la stima del numero due della Lega: "Michetti non è presentabile come Sindaco di Roma. Non è credibile, non ha esperienza. Sta là soltanto perché è amico di Giorgia Meloni e Matteo Salvini, mentre Giancarlo Giorgetti, confida al Corriere della Sera, è un galantuomo che fa politica, sa riconoscere il valore delle persone, capisce chi può essere utile alla causa di Roma e dell'Italia". Anche per Milano Giorgetti si traveste da Cassandra e pronostica la vittoria al primo turno del Sindaco uscente Beppe Sala, candidato del centrosinistra. Ma Bernardo non si scompone: "Stimo Giorgetti. È una persona di grande intelligenza, è un grande politico. Non credo che si tratti di una mancanza di fiducia, diciamo tutti la stessa cosa: dobbiamo vincere al primo turno". Intanto Beppe Sala e Carlo Calenda si confrontano in una linea diretta con il secondo che spera di indossare la fascia tricolore come il suo interlocutore. Chissà su quante cose si troveranno d'accordo.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast