Assemblea M5s, malumori sulla riforma del Mes

05 dic 2020

Davanti a Visco che il voto sulla risoluzione sulla riforma del Mef da votare mercoledì 9, alle camere dopo le comunicazioni del premier sia per il Governo giallorosso, quello che fu la Tav per l'esecutivo gialloverde sono gli stessi vertici nel movimento a correre ai ripari dopo le dimissioni di quattro europarlamentari, dopo le lettere di deputati e senatori contrari, dopo che persino Grillo soffia sul fuoco, con un post in cui definisce il Mes "inutile e inadatto". Da di Maio a Bonafede, fino a Crimi è una rincorsa a serrare le fila in difesa della tenuta della maggioranza. In assemblea la linea è quella che detta Luigi di Maio. Chi non voterà quella risoluzione voterà contro il Presidente del Consiglio e il suo Governo. L'Italia ha bisogno di stabilità, noi dobbiamo dargliela. Folle e irresponsabile portare i conti sul patibolo. Le parole del Ministro degli Esteri. Irresponsabile, ripete Bonafede. mettere in difficoltà il Governo. Altro è l'attivazione del Mes ribadisce anche Crimi, per quello non ci sarebbero i numeri in aula. Un susseguirsi di dichiarazioni che danno il senso di quanto lo stesso movimento sia in allarme, con un Pd oltremodo innervosito da un alleato che rischia di isolare l'Italia in Europa e se lo fa, hanno avvertito tutti, fino al vice Orlando, rischia anche il Governo. Tensioni che il colle osserva con una certa irritazione e la consapevolezza che una maggioranza che non avesse i numeri sulla politica estera ed europea potrebbe non avere futuro. E questa volta l'alternativa sarebbero le urne. E allora gli occhi saranno tutti per il tabellone del voto mercoledì, quando si dovrà vedere anche cosa farà Forza Italia. Qualche dissidente potrebbe esserci anche lì, sebbene la linea di Silvio Berlusconi sia quella del no alla riforma. Una blindatura ulteriore arriva dal Carroccio, ha fatto sapere che il Cavaliere e Salvini si sono sentiti nelle ultime ore per confermare che non ci sarà nessuna stampella per una maggioranza divisa e litigiosa.

pubblicità