Attesa su Campania, prove di dialogo su Ristori e Manovra

10 nov 2020

Da un lato i numeri che crescono e continuano a preoccupare e dall'altro l'indice di contagio che, seppur di poco, rallenta l'incremento. Ora l'attesa è per gli effetti dell'ultimo Dpcm, la verifica cioè dei risultati che arriveranno dopo l'ultima stretta. Un monitoraggio costante e quotidiano che richiede ancora qualche giorno di attesa. Perciò fonti di maggioranza negano che sia già in discussione da parte del Governo un nuovo Dpcm per il lock down totale. Dopo il passaggio alla fascia arancione di Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria, i tecnici del Ministero della Salute sono ancora al lavoro a Napoli per verificare i dati riguardanti la Campania tra le regioni a rischio, mentre per quanto riguarda la situazione della Calabria, sul fronte dell'emergenza sanitaria si affaccia l'ipotesi di affiancare il fondatore di Emergency, Gino Strada, al commissario Zuccatelli. Intanto accanto ai numeri dei contagi, la politica dibatte anche su quelli degli indennizzi con il Governo che rivendica rapidità d'azione. Sono già partiti i 210000 bonifici per un miliardo di euro che arriveranno direttamente nei conti correnti delle imprese attraverso l'Agenzia delle Entrate. Sono risorse molto importanti, aiuteranno le nostre aziende nei prossimi mesi, in particolare quelle nella zona rossa anche attraverso i prossimi decreti Ristori che sono in conversione. Ministro che, sul fronte della manovra che le opposizioni avrebbero voluto già in Parlamento da tempo, assicura "il testo arriverà entro la settimana". Se fosse necessario un nuovo scostamento di bilancio il Governo sarà pronto. Al Senato si avviano prove tecniche di dialogo con la Presidente Casellati, che vede i Presidenti di commissione, invitandoli alla collaborazione tra maggioranza e opposizione, a cominciare dal decreto Ristori. Provvedimenti ultimi che però non soddisfano affatto la Lega che propone una linea diversa. Una riduzione dell'IVA per 20 miliardi. Questo sarebbe una spinta ai consumi notevole e sarebbe un sostegno. Altroché decreto Ristori. Il problema non è inseguire ogni DPCM con una mancia a coloro i quali vengono chiusi dalla sera alla mattina. Prossimi giorni che si annunciano intensi.

pubblicità