Berlusconi riorganizza Forza Italia, Toti lascia

02 ago 2019

Questa non è la data in cui Giovanni Toti lascia Forza Italia. Questa è la data in cui finisce Forza Italia. Il tono è perentorio, il governatore della Liguria non lascia spazio ad aperture. La riorganizzazione del partito voluta da Silvio Berlusconi, che ha prima sparigliato con l'idea di una Federazione di centro e poi ha cancellato di fatto il ruolo dei coordinatori nazionali, nominando un coordinamento di Presidenza non lascia spazio ad alternative. Non ci sono più ragioni per rimanere afferma, qualcuno non ha avuto voglia di cambiare rotta e quel qualcuno per Giovanni Toti ha un nome, si chiama Silvio Berlusconi. Ma l'ex coordinatore ribelle non è l'unico a scontrarsi con le decisioni del capo. Mara Carfagna, anche lei ormai ex coordinatrice, non nasconde la sua delusione. la Presidente della Camera non lascerà Forza Italia, ma parla di un comitato di liquidazione di cui non farà parte. Le esternazioni dopo la riunione, nella sede romana del partito, tra i big azzurri in cui si è di fatto smantellato il progetto del duo Toti Carfagna per dar vita ad un coordinamento di Presidenza guidato da Tajani, Bernini, Gelmini, Carfagna e Sestino Giacomoni, fedelissimo del Cavaliere. Un coordinamento del quale nessuno mi ha chiesto di far parte e di cui non farò parte, la reazione immediata della Vice Presidente della Camera. Mara non ci sta, Toti lascia. Da vedere in quanti seguiranno il padre fondatore, per ora la pattuglia di parlamentari, pronta a seguirlo, sembra alquanto nutrita.

pubblicità