Cantone lascia Anac, tornerà in magistratura

23 lug 2019

Un addio che forse non è una sorpresa, frutto di motivazioni precise che Raffaele Cantone indica della lettera con cui comunica ai dipendenti dell'autorità anticorruzione, la sua decisione di lasciarne la guida. "Una decisione meditata e sofferta, al termine di un'esperienza entusiasmante", la definisce Cantone, che però aggiunge "sento che un ciclo si è definitivamente concluso, anche per un diverso approccio culturale nei confronti dell'ANAC e del suo ruolo. Istituzione nata sull'onda di un'emergenza, ma divenuta modello all'estero e che dovrebbe rappresentare motivo di orgoglio per l'Italia, circostanze", scrive ancora Cantone, "poco riconosciute". Il Presidente uscente dell'ANAC e ha chiesto di tornare a fare il giudice. "Non posso" spiega "essere spettatore passivo in un momento così difficile per la Magistratura". Poi il messaggio alla politica, "Nonostante i passi in avanti la corruzione è tutt'altro che debellata". Parole che per il Pd dimostrano che la lotta alla corruzione non è tra le priorità del Governo. Preoccupa l'addio di Cantone, dicono in coro i democratici, timori che il Governo non condivide. "L'ANAC ha evidenziato che la prevenzione è importante quanto la repressione", dice la Ministra Giulia Bongiorno, "ma se per prevenire tutto blocchiamo tutto, non si fa niente".

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.