Carceri Bonafede: in alcuni casi veri atti criminali

11 mar 2020

Gli eventi hanno riguardato trasversalmente quasi tutte le regioni d'Italia, declinandosi in maniera differente nei singoli casi. Possiamo dire infatti che in alcune città, come per esempio Treviso, Torino, Rovigo e Potenza, si è trattato di manifestazioni di protesta senza danni, mentre in altri casi, come per esempio a Modena, Napoli e Foggia, si è trattato di vere e proprie rivolte durate ore, che hanno portato anche a drammatiche conseguenze. Fuori dalla legalità e addirittura nella violenza non si può parlare di protesta; si deve parlare semplicemente di atti criminali. Lo dico anche per sottolineare che le immagini dei disordini e gli episodi più gravi sono ascrivibili ad una ristretta parte dei detenuti. La maggior parte di essi, infatti, ha manifestato la propria sofferenza e le proprie paure, con responsabilità e senza ricorrere alla violenza.

pubblicità
pubblicità