Cassazione condanna Verdini a 6 anni e mezzo di carcere

03 nov 2020

La Cassazione quinta sezione penale, presidente Paolo Antonio Bruno, ha deciso per la condanna definitiva di Denis Verdini a 6 anni e mezzo di reclusione per il caso del crac del Credito Cooperativo Fiorentino, di cui a lungo Verdini era stato presidente. Per molti anni esponente di Forza Italia e poi del Pdl, Verdini fu vicinissimo a Silvio Berlusconi, tanto da esserne uno dei principali consiglieri, è stato colui che promosse il patto del Nazareno. Ha deciso poi di fondare un suo partito moderato Ala. Ora dalla politica attiva si è ritirato, ma viene considerato da alcuni tra gli ispiratori dietro determinate scelte di Matteo Salvini. La sentenza ha sorpreso e deluso molto gli avvocati difensori, anche perché lo stesso procuratore generale della Corte aveva chiesto per alcune ipotesi di bancarotta un nuovo approfondimento, sostenendo che fosse necessario un processo d'appello bis. Ma la Corte ha deciso diversamente. Senza attendere alcun provvedimento, Verdini affronta la situazione e si costituisce in carcere, ha preannunciato a stretto giro il suo difensore Franco Coppi. Per fortuna è un uomo forte, coraggioso e penso saprà affrontare questa prova.

pubblicità