Centrodestra a confronto sulle candidature alle regionali

18 giu 2020

Ricorsi ai fondi europei e candidature in vista delle regionali. Due dossier sui quali nel centrodestra, al momento, l'unione di intenti ancora non c'è. Andiamo per ordine sparso è il caso di dire, visto l'atteggiamento in aula dei tre alleati, davanti a Conte che informa il Parlamento in vista del Consiglio europeo. Fratelli d'Italia diserta l'aula, a parte la presenza di un solo deputato. La Lega ascolta poco, poi se ne va senza salutare, mentre Forza Italia resta al suo posto, critica Conte, ma continua a rappresentare una valida e forse salvifica sponda al governo. Quando sarà il momento di sostenere il Mes sul quale i mal di pancia dei 5 Stelle si sprecano. Per Berlusconi il mezzo c'è e va utilizzato. Anzi, prima è meglio sarà per il Paese che boccheggia a causa della crisi post covid. Il fondo salvastati se senza condizioni rappresenta un'opportunità che dobbiamo cogliere. Lasciare in Europa 37 miliardi che potrebbero servire per potenziare i nostri ospedali per migliorare la medicina di territorio o la telemedicina, rappresenta un lusso che non ci possiamo permettere. Aperture, dunque, che Salvini e Meloni non condividono d'altronde entrambi avevano nel cassetto due risoluzioni in cui si chiedeva di non utilizzare il Mes. Ma è tutta la ricetta economica del Governo che non va dice Salvini, che si unisce alle critiche di Confindustria. Io non capisco a un certo punto, se sia solo incapacità e pregiudizio ideologico o se o se da qualcuno da parte del Governo ci sia malafede. Cioè se non ci sia un disegno preciso di svendere parte delle imprese italiane al miglior offerente all'estero che sia in Francia o che sia in Cina. Perchè non è possibile riuscire a mettere uno dietro l'altro una sequela di errori ai danni degli imprenditori e dei produttori come quelli che il Governo sta facendo. Capitolo secondo la scelta dei candidati per le regionali d'autunno qui la Lega ha le idee molto chiare, rinnovare in gergo significa nuove facce per Puglia e Campania. Un invito agli alleati e non riproporre Raffaele Fitto e Stefano Caldoro. Meno ansie su Toti in Liguria e Zaia per il Veneto, anche se proprio il governatore leghista in prima linea nell'emergenza covid avverte: "la Lega si allea solo con chi sostiene il diritto all'autonomia". "Autonomia" dice "è futuro, efficienza e lavoro già quello che serve al centrodestra per smussare gli angoli di un tavolo pieno di spigoli.

pubblicità
pubblicità