Conte, manovra? Si fa Palazzo Chigi

15 lug 2019

L'attivismo di Matteo Salvini in vista della manovra e la sua resistenza a riferire in Parlamento sul caso Russia Lega, non vengono accolti con favore a Palazzo Chigi. Il tavolo aperto al Viminale per ascoltare le parti sociali sono bollate dal Premier Giuseppe Conte come un'ingerenza e per Luigi Di Maio la presenza dell'ex sottosegretario Armando Siri sembra una scelta di campo dei sindacati. “Se però oggi qualcuno pensa che non solo si raccolgono istanze da parte delle parti sociali, si raccolgono quindi le loro proposte, ma anticipa temi, dettagli di quella che ritiene dovrebbe essere la manovra economica, ecco questo non è corretto affatto, si entra sul terreno di scorrettezza istituzionale”. L'accusa del leader dei 5 Stelle su Siri non va giù a CGIL e CISL UIL che parlano di parole inaccettabili e offensive. Il Vicepresidente del Consiglio non si scompone per la censura di Conte, difende la presenza di Siri al tavolo e illustra la proposta per la tassa piatta al 15% fino a 55 mila euro, la pace fiscale e lo sblocco dei cantieri. Poi Salvini chiarisce che non è sua intenzione rubare la poltrona a nessuno. “E' chiaro che ai tempi della manovra economica diretta dal Presidente del Consiglio, in cui abbiamo piena e totale fiducia, però prima si fa meglio è”. Anche sul fronte russo dei presunti fondi che sarebbero stati trattati da Gianluca Savoini l'atteggiamento del capo del Governo non assomiglia ad un assist, le nostre linee guida, siano ben chiare, sono assoluta trasparenza nei confronti dei cittadini italiani e assoluta fedeltà agli interessi nazionali, con i giornalisti che lo incalza sulla vicenda Salvini taglia corto, non abbiamo chiesto, né visto né preso un euro di finanziamento all'estero, mi occupo di vita reale e non di spionaggio, punto. Il fuoco ben poco amico parte anche dal pasdaran grillino Alessandro di Battista, che su Facebook accusa oltretutto Salvini il bugiardo è impegnato a mentire. La sua difesa sul caso Russia a Savoini è ridicola. Per il Partito Democratico Salvini usa armi di distrazione di massa. “Il Ministro Salvini con Siri invita al Viminale i sindacati per farci dimenticare l'affare Russia, ma noi non lo dimentichiamo, venga in Parlamento a spiegarci perché Savoini faceva parte della delegazioni ufficiale del Ministero degli Interni”. Nelle prossime ore Nicola Zingaretti e il capogruppo al Senato del PD Andrea Marcucci, incontreranno la Presidente di Palazzo Madama Elisabetta Casellati, per sbloccare l'interrogazione sulla Lega e ribadire la richiesta della presenza in Aula di Salvini sul caso dei presunti fondi russi.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.