Conte: nuovo inizio per la scuola il 14 settembre

09 set 2020

Giuseppe Conte conferma la data del 14 settembre per quello che per la scuola è un nuovo inizio, ma la convivenza in classe con il Covid-19 assomiglia molto ad un battesimo di fuoco. Dopo la didattica a distanza messa in campo durante il lockdown, il Governo si gioca molte delle sue carte sul ritorno in aula degli studenti. L'obiettivo del premier è rassicurare tutti. È una sfida, afferma, per il sistema Italia, il rientro in sicurezza è il faro del Governo. Abbiamo fatto il massimo per dare alle nostre ragazze, ai nostri ragazzi il meglio e anche per regalare alla scuola un nuovo inizio. Questa per noi è una grande opportunità. La scuola ricomincia con più spazi, più docenti e meno alunni in classe, grazie a un investimento sulla scuola pari a 7 miliardi, pensate, da gennaio ad oggi. Dopo aver ringraziato i giovani che hanno pagato il prezzo più alto ed escluso un rimpasto di Governo, a metà settembre il Premier snocciola interventi che puntano a garantire la salute di chi la scuola tornerà a viverla ogni giorno. In cattedra arriveranno 160000 nuovi docenti di ruolo, 2,4 milioni di banchi e la distribuzione gratuita quotidiana di 11 milioni di mascherine. In caso di contagio da Coronavirus sarà possibile mettere in quarantena la classe intera. Ci saranno orari d'ingresso scaglionati per evitare assembramenti. Il presidente Sergio Mattarella ha firmato un decreto che prevede lo smart working, il congedo straordinario per i genitori durante il periodo di quarantena obbligatoria del figlio sotto i 14 anni che sia entrato in contatto con persone positive al virus. Orgogliosa del lavoro fatto per preparare la scuola al suono della campanella è la Ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, che ha parlato di 2500 interventi di edilizia scolastica per mettere in piedi quasi diecimila aule in più e annuncia che questo fine settimana verranno fatte le nomine per i supplenti. Ma per permettere l'accesso in classe a tutti alcuni dovranno indossare le mascherine anche tra i banchi. Non significa che questi 50000, perché qui bisogna fare bene chiarezza, non andranno a scuola. Andranno a scuola anche senza un metro di distanziamento in questo inizio d'anno scolastico, mettendo la mascherina.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast