Corsa al Colle, il punto. Nuove tensioni per Conte

06 dic 2021

Nel quotidiano borsino del toto-Quirinale il punto fermo della discussione politica sembra muoversi sempre su un assunto condiviso da molti, Draghi sarebbe un candidato naturale però il lavoro avviato dal Governo non deve interrompersi. Di qui per chi a sinistra come a destra sostiene questa tesi discende che o l'attuale premier resta a Palazzo Chigi o si trova un sostituto all'insegna della continuità, perché su tutto pesa lo scenario di possibili elezioni anticipate. Ora però arriva anche la notizia del probabile sostegno del PD al leader del MoVimento 5 Stelle Giuseppe Conte nel seggio Roma 1 della Camera dove ti voterà il 16 gennaio per sostituire Gualtieri ora sindaco. Conte stesso fa trapelare la sua forte perplessità, anche perché nel frattempo l'intera area di centro della sinistra, Italia Viva in testa, è sulle barricate. Renzi promette battaglia col sostegno ad altri candidati, ma soprattutto avverte il PD, noi mai con chi si lega a sovranisti e populisti. Calenda intanto scalda i motori per presentarsi anche lui al collegio Roma 1 dove peraltro ha già preso alle comunali il 30%. Le tensioni fra i partiti si riaccendono proprio mentre tutti invocano la necessità di una larghissima maggioranza per l'elezione del Capo dello Stato. "Sarebbe veramente paradossale se noi votassimo o avessimo un Governo con un Presidente del Consiglio con una maggioranza innaturale così ampia e se non riuscissimo a mettere insieme le stesse forze politiche per votare il Presidente della Repubblica più quelle che attualmente sono all'opposizione". Da Forza Italia Tajani aveva già detto se Draghi va al Colle servono nuove elezioni. Adesso Licia Ronzulli glissa, ma ribadisce: "Prematuro in questo momento parlare di candidature e quando si parla di Draghi non lo si fa perché non si può indebolire un Presidente del Consiglio che sta lavorando molto bene e che deve continuare a lavorare molto bene". Sulle elezioni anticipate poi il no arriva anche dallo stesso interno del centrodestra perché la Lega è chiara, si eviti di evocare le urne avverte il capogruppo alla Camera Molinari, la cosa crea solo tensioni.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA