Vaccini, ritardi ma trend migliora. Speranza: ancora cautela

03 apr 2021

E' il ritmo della campagna vaccinale il pensiero centrale di tutti ora, nel senso che adesso con i giorni di Pasqua in rosso per tutti, con il paese tra rosso e arancione fino al 30 aprile, è sui vaccini che si punta a uscire dal tunnel, il Governo per primo che mira a raggiungere l'obiettivo fissato dal piano. Siamo a quota 300,000 al giorno ci sono stati rallentamenti pare in via di risoluzione per la mancanza di dosi, ora ne arrivano altre, la rincorsa del tempo e della quota 500,000 al giorno auspicata da Draghi vive momenti non semplici ma l'esecutivo non toglie il piede dall'acceleratore. "Nel mese di aprile saranno 8 milioni, quindi il trend mensile continua a crescere, a maggio saranno sempre di più, quindi diciamo che si potrà arrivare a quel mezzo milioni di dosi al giorno, ma questo l'abbiamo detto anche in precedenza, verso la fine di aprile." La durezza di un momento lungo più di un anno però porta con sé reazioni, il Ministro della Salute Speranza parla nuovamente di lievi segnali di miglioramento ma ribadisce che serve cautela specie vista la prevalenza e la contagiosità della variante inglese e che dalle chiusure potremmo uscire, testuale, appena i dati consegneranno un quadro diverso e manda un appello perché si eviti di soffiare sul fuoco dell'inquietudine si riferisce alle polemiche che non mancano neanche adesso che nella maggioranza ci sono tutti tranne Sinistra Italiana e Fratelli d'Italia che con Giorgia Meloni chiarisce. "Non so cosa esattamente intenda il Ministro Speranza quando dice che non dobbiamo soffiare sull'inquietudine delle persone, perché le persone sono inquiete perché dopo un anno di pandemia siamo al punto di partenza, sono inquiete perché evidentemente nessuno si assume la responsabilità di dire che le misure che sono state prese in questo anno non erano le misure giuste." Gli argomenti sono gli stessi usati da Salvini che si spinge a parlare di sequestro di persona se il paese dovesse restare chiuso anche in vista di miglioramenti nei numeri dell'epidemia e anche questa è una risposta a Speranza.

pubblicità
pubblicità