Quali sono i punti controversi del ddl Zan? La scheda

27 ott 2021

Tre punti che hanno di fatto sbarrato la strada al ddl Zan. Tre articoli, quello sull'identità sessuale, quello sulla libertà di espressione e l'istituzione della giornata contro l'omofobia nelle scuole, che hanno aperto lo scontro tra le forze politiche che ha portato all'affossamento del disegno di legge. Il ddl Zan è un testo unificato nato da diverse proposte di legge presentate alla Camera, accomunate dall'applicazione della legge Mancino per quel che riguarda la discriminazione e l'istigazione, ma non la propaganda, ai reati dettati dall'odio omofobico. Il testo è composto da 10 articoli, in base al cui contenuto i reati collegati all'omofobia verrebbero equiparati a quelli sanciti dall'articolo 604 bis del Codice Penale, che contrasta il razzismo e l'odio su base religiosa, punendo con la reclusione fino a quattro anni le discriminazioni basate sul sesso, sul genere, sull'orientamento sessuale, sull'identità di genere e sulla disabilità. Il centrodestra, durante i mesi di discussione, ha sostenuto che si tratta di una legge che introduce un reato di opinione. Il primo punto contestato è quello dell'identità sessuale. Il testo del ddl Zan definisce l'identità di genere come l'identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso biologico e indipendentemente dall'aver concluso un percorso di transizione. Il secondo punto è la libertà di espressione. L'articolo 4 del ddl Zan riguarda il pluralismo delle idee e la libertà delle scelte. Ai fini della presente legge sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte, purché non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti. Infine la giornata contro l'omofobia nelle scuole, che secondo l'articolo 7 verrebbe istituita il 17 maggio, al fine di promuovere la cultura del rispetto e dell'inclusione nonché di contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze motivati dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere, in attuazione dei principi di eguaglianza e di pari dignità sociale sanciti dalla Costituzione.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast