Di Maio: Io premier? Fake news.Il Pd: no a governicchi

17 ago 2019

Qualcosa è cambiato, perché ora Salvini, cerca di rimettere insieme i cocci del vaso della maggioranza che lui stesso ha rotto senza passare però dalle dimissioni sue o dei Ministri della Lega. Luigi di Maio del Movimento intanto bollano come fake news le voci circolate oggi dell'offerta di Salvini, di Maio premier, il leader leghista vice e Conte a Bruxelles come Commissario. A noi, dice di Maio, interessa solo il taglio dei parlamentari che è in calendario il 22 Agosto alla Camera dopo le comunicazioni del presidente del Consiglio. Salvini coglie la palla al balzo e sempre su Facebook scrive pochi minuti dopo a di Maio che la Lega c'è, che l'ha già votata tre volte e lo farà anche stavolta. Non come il Pd sottolinea Salvini. E proprio dalle parti dei Dem Zingaretti fa chiarezza sulla linea del partito. "Il Pd si deve preparare alle urne solo una volta che sarà aperta la crisi", dice Zingaretti, "sotto la guida del Presidente Mattarella, capiremo se ci sono le condizioni per un Governo sì, ma di lungo respiro. No al governicchio". Insomma, dice tutto il partito democratico. Mancano quattro giorni e quattro notti al 20 Agosto, saranno giorni e notti bollenti per le trattative che ci saranno. Poi tutti in aula. Lì tutti dovranno scoprire le carte e votare. La crisi per ora annunciata è vissuta sulle spiagge, sulle piazze virtuali non sarà forse finalmente parlamentarizzare. In quel caso si che dalle parole che evaporano veloci sotto il sole di Agosto si passerebbe ai fatti.

pubblicità